Azienda

Azienda

VERDE & BLU SRL, realtà aziendale ormai consolidata con sede a Mezzano (Ravenna), è specializzata nella produzione e nella distribuzione di prodotti per auto, in particolare olio freni, antigelo per circuiti di raffreddamento,...

continua...

NEWS

L’auto del futuro

L'auto del futuro sarà elettrica: metterà da parte carburanti fossili e marmitta, optando per un nuovo approvvigionamento dell'energia. L'auto del futuro sarà anche intelligente, facendo leva su nuovi sistemi multimediali, connettività e tecnologie alternative ai sistemi tradizionali: se sparisce lo specchietto retrovisore, sarà perché un monitor ne svolgerà al meglio le medesime funzioni. L'auto del futuro avrà anche un nuovo design, bilanciato tra le esigenze culturali della domanda e le nuove opportunità che offre la tecnica alle case produttrici: a rischio anche il tradizionale aspetto antropomorfo delle vetture odierne.

L'auto del futuro sta nascendo oggi sotto i nostri occhi e al Salone dell'Auto di Ginevra se ne sono potuti avere i primi indizi.

 

Ritorna Eolo, la macchina ad aria compressa

Dopo 7 anni d’insuccessi e continui rinvii dovrebbe presto entrare in commercio in India. La Tata Group prevede la messa in vendita dei primi seimila esemplari nell'agosto 2008 e ci sono già accordi per portare la Citycat in altri 12 paesi.

Era il 2001 quando al Motorshow di Bologna Guy Nègre, un ingegnere francese con alle spalle diversi anni in Formula Uno come progettista di motori alla Williams, presentò la Eolo, un'automobile costruita interamente in alluminio tubolare, fibra di canapa e resina, con motore ad aria compressa.
Stando alle sue dichiarazioni, questa straordinaria vettura, leggerissima ed ultraresistente, era in grado di percorrere 100 Km con meno di un euro, poteva raggiungere una velocità di 110 Km/h e funzionare per circa 10 ore consecutive nell'uso urbano.
Il veicolo avrebbe dovuto rifornirsi, nel giro di qualche ora, con un compressore interno collegato ad una presa della corrente, richiedere poca manutenzione e costare relativamente poco.
Dallo scarico sarebbe uscita solo aria fredda, utilizzabile d'estate per l'impianto di condizionamento.

 

Auto connessa a internet

Ormai non si parla d’altro: il futuro porta il volto di un’auto connessa a internet. D’altro canto questa è la tendenza ufficiale, questo è il filo rosso che tiene insieme gli scenari che verranno: internet delle cose, ovvero la possibilità di estendere l’influenza e le potenzialità della rete agli oggetti di uso comune.

La connessione con il mondo delle quattro ruote è immediata: cosa può fare una macchina costantemente online? Sarà alienante? Dove può arrivare l’innovazione tecnica? Ma soprattutto: è veramente necessario avere un’auto connessa a internet? A prescindere dalla risposta, gli scenari indicati da Forbes lasciano intendere che sarà questa la tendenza.